Archivi categoria: – Grafica

Software di Grafica 3D: Blender

LogoBlender.jpgBlender è un software piuttosto noto nel campo della grafica digitale, in particolar modo nella categoria della grafica 3D. L’applicazione rappresenta una valida alternativa a tutti i più importanti nomi in circolazione, rispetto ai quali riesce a fornire prestazioni più che accettabili e strumenti in grado di offrire funzionalità avanzate. Ma soprattutto, Blender ha nel prezzo uno dei propri punti di forza: esso è infatti disponibile in via del tutto gratuita, grazie alla licenza open source con la quale il team di sviluppo ha deciso di distribuire tale software ai propri utenti.

La natura gratuita di Blender non deve tuttavia lasciar pensare ad un software di basso livello, poco curato oppure dotato di scarsa assistenza online. L’applicazione mette infatti a disposizione potenti strumenti di modellazione in tre dimensioni, con la possibilità di ottenere prodotti finali qualitativamente paragonabili a quelli realizzate mediante costose applicazioni utilizzate in ambienti professionali. Blender, del resto, è riuscito a distinguersi in numerosi contesti, in diversi casi anche in ambienti aziendali, proponendosi come alternativa decisamente più economica ma non per questo di minor livello. Ad oggi, questo applicativo viene utilizzato anche nella creazione di videogame, soprattutto grazie ad apposite funzionalità che vengono incontro agli sviluppatori nella realizzazione degli ambienti grafici per i propri titoli.

Grazie a Blender è possibile modellare un oggetto 3D, arricchirlo con una serie di animazioni in grado di rispondere alle più diverse esigenze di creazione, effettuare il rendering dei propri elaborati e passare poi alla fase di post-produzione video. Tutte queste opportunità vengono rese disponibili grazie ad una ricca collezione di tool, sia basilari che avanzati, integrati all’interno del software ed accessibili in pochi click. L’esportazione può avvenire poi in maniera piuttosto semplice, con un buon livello di compatibilità verso i formati di file più utilizzati nel settore.

La modellazione di solidi, ad esempio, può essere effettuata andando a gestire tutta una lunga serie di parametri ed informazioni circa quanto si sta realizzando, fornendo nelle mani degli utenti il pieno controllo dell’oggetto. Ad ognuno di quelli realizzati è inoltre possibile aggiungere texture per simulare specifici materiali ed offrire di fatto maggiore somiglianza con i corrispettivi reali. Le texture possono essere non procedurali, ovvero ottenute mediante l’utilizzo di immagini e filmati, oppure procedurali, ovvero realizzate grazie all’utilizzo di apposite formule matematiche. In entrambi i casi, esse consentono di migliorare notevolmente il realismo di quanto realizzato.

Il motore di rendering, invece, offre prestazioni piuttosto buone in numerosi contesti operativi, benché per realizzare composizioni abbastanza complicate siano necessarie dotazioni hardware di adeguato livello. Le animazioni possono essere realizzate utilizzando appositi script in linguaggio Python, con la possibilità di realizzarne di propri per personalizzare ulteriormente il comportamento degli oggetti realizzati in precedenza ed ottenere così i risultati desiderati.

Grazie a Blender è quindi possibile realizzare numerose tipologie di elaborati tridimensionali: si va dai semplici loghi in 3D ad interi filmati o cortometraggi in tre dimensioni, arrivando poi a complessi videogame appartenenti ai più disparati settori di gioco. Blender, insomma, benché gratuito è riuscito ad emergere in un settore ricco di nomi il cui blasone è sicuramente superiore, ma non per questo caratterizzati da un maggiore livello qualitativo.

Blender è dunque un software da tenere sicuramente in considerazione qualora si intenda abbracciare l’arte della grafica 3D, benché sia necessario non tralasciare un fattore fondamentale: uno dei principali difetti di questo software risiede nell’interfaccia grafica, da lungo tempo criticata su numerosi fronti e non in grado di venire incontro agli utenti meno esperti in termini di usabilità. Nel complesso, infatti, l’interfaccia di Blender risulta essere articolata in complicati menu e non tutti gli strumenti risultano essere immediatamente accessibili, motivo per cui è necessario un certo periodo di ambientamento prima di poterne apprezzare a pieno tutte le potenzialità. Dopo qualche tempo è tuttavia possibile utilizzare Blender in maniera fluida ed efficiente.

Download

di Redazione HTML.it

Programma:FotoMorph 13.6

fotomorph11.jpgFotoMorph è uno strumento gratuito per realizzare morphing tra immagini e foto con origini diverse. L’interfaccia risulta amichevole per facilitare le transizioni graduali da un’immagine all’altra, con un effetto che appare piuttosto convincente.

La creazione di un’animazione avviene attraverso due semplici passaggi, importando prima le foto desiderate, evidenziandone le porzioni da esaminare e definendo successivamente i movimenti da eseguire mediante la selezione di specifici punti.

Il motore di rendering di FotoMorph trae vantaggio dalla presenza di accelerazione hardware, riuscendo così ad incrementare notevolmente il numero di frame per secondo che possono essere gestiti attraverso schede video dedicate. Sono supportati diversi formati grafici: BMP, JPEG, PNG, TIFF e GIF. I lavori sono esportabili come GIF animati, AVI, filmati Flash, screensaver e file indipendenti di tipo eseguibile.

Vi è inoltre la possibilità di stampare il frame corrente, potendo fruire di una comoda anteprima secondo la logica WYSIWYG, che riproduce ciò che si sta effettivamente visualizzando a schermo.

Download

fonte:html.it

Grafica 3D:Google Earth

google-earth4.jpgGoogle Earth è un potente programma gratuito di grafica tridimensionale per generare immagini virtuali della Terra basandosi su rilievi satellitari forniti dalla NASA, in grado di fornire risultati dettagliati e di elevata qualità. Gli utenti possono così contare su uno strumento per sorvolare in modo simulato il nostro pianeta e raggiungere in pochi istanti qualsiasi luogo per apprezzarne la visione di mappe, terreni, mari, fondali oceanici ed edifici 3D.

L’esplorazione dei contenuti geografici avviene secondo diverse modalità e si ha anche la possibilità di addentrarsi nello spazio remoto per visitare Luna, Marte e galassie. È inoltre presente un vasto archivio di immagini storiche e viaggi predefiniti accompagnati da registrazioni audio, il quale assume un notevole rilievo anche in termini didattici.

La versione 6 di Google Earth ha inoltre introdotto l’integrazione del servizio Google Street View per rendere ancora più coinvolgente l’esperienza d’uso, grazie alla possibilità di posarsi con un semplice comando su una determinata strada per avviarsi lungo un percorso. Ciò consente agli utenti di godersi le immagini generate dall’applicativo in massima libertà e con un grado di assoluto realismo, potendo al contempo memorizzare i luoghi visitati nel corso dei propri viaggi virtuali e successivamente condividerli con altri utilizzatori. Uno degli aspetti che spiccano al primo avvio di Google Earth concerne la grande semplicità con la quale si riesce ad interagire sia con i menu che con i controlli di navigazione.

Download

fonte:html.it

Programma grafica vettoriale:Inkscape

100131_inkscape_logo.pngInkscape è un software dedicato agli appassionati di grafica vettoriale, il quale si pone in evidenza per le specifiche avanzate e l’immediatezza d’uso. Il suo sviluppo fa parte di un progetto open source ed è pertanto utilizzabile liberamente, potendo oltretutto contare su una comunità internazionale d’utenti i quali contribuiscono a migliorarne le caratteristiche. Si tratta pertanto di un valido supporto rivolto non solo a chi abbia già conoscenze specifiche in materia, rivelandosi come possibile alternativa ad applicativi commerciali come CorelDraw, Illustrator e FreeHand, ma anche alle persone che desiderino avvicinarsi al disegno vettoriale in modo semplice ed intuitivo.

Inkscape soddisfa pienamente gli standard W3C XML, CSS2 e Scalable Vector Graphics (SVG) e si presta perciò per la gestione di linee, curve, semplici figure base, testi, trasformazioni, gruppi, gradienti, livelli, nodi ed altro ancora. È quindi possibile impiegarlo in diversi ambiti progettuali, come ad esempio loghi, banner e strutture da pubblicare in siti Internet. Il programma è inoltre compatibile con numerosi formati grafici, tra i quali si segnalano i diffusi JPEG, TIFF, BMP, PNG e PostScript, riuscendo così ad utilizzarlo per scambiare facilmente dati anche con altre applicazioni.

L’interfaccia utente di Inkscape appare piuttosto intuitiva per agevolare l’accesso alle sue opzioni principali anche a chi non abbia in precedenza mai utilizzato software di grafica vettoriale, merito anche della presenza della localizzazione in lingua italiana. Oltre ai tipici menu a tendina si apprezza la disponibilità di una nutrita barra degli strumenti, la quale consente di richiamare i comandi più significativi con l’ausilio di comode icone. Centralmente spicca un’ampia area di lavoro, dove si possono utilizzare i tool disposti nelle barre verticali collocate nelle parti sinistra e destra per la creazione dei propri disegni. Inferiormente sono presenti la palette di colori e una barra di stato la quale ha il compito di fornire informazioni come le coordinate del cursore, una lista per muoversi rapidamente tra i livelli, un comando per rendere o meno visibile il livello sul quale si sta lavorando, una funzione di blocco o sblocco dei livelli stessi e un’area destinata a notifiche relative agli strumenti in uso.

 

La semplicità d’uso costituisce dunque uno dei punti fermi di Inkscape, aspetto che consente di raggiungere una buona fluidità di lavoro, lasciando tra l’altro ampio spazio alla personalizzazione per adattarlo alle singole esigenze applicative. Oltre alla documentazione che accompagna il programma, nel sito di riferimento del progetto e sul Web sono reperibili esempi d’uso, tutorial, e approfondimenti di vario genere, i quali possono risultare utili ad ogni livello d’utenza. Sono anche disponibili un’area wiki dove si possono conoscere meglio le peculiarità del programma e una guida dettagliata in lingua italiana, la quale affronta in modo esaustivo le opzioni implementate sia a livello base che avanzato.

Inkscape consente di creare un numero elevato di documenti grafici e per rendersene conto basta selezionare la voce “Nuovo” del menu “File”, dove ci si trova davanti ad un lungo elenco di formati già impostati, comprendente ad esempio il semplice A4, il biglietto da visita, l’icona da 16×16 a 64×64 punti, il desktop con risoluzione sino a 1.600x.1.200, il web banner e il full HD video (1.920×1.080). E ciò sempre nell’ottica di facilitare la progettazione da parte degli utilizzatori, lasciando al tempo stesso grande libertà nella modifica delle impostazioni principali.

A tal proposito vi è il pannello delle preferenze per consentire la variazione di numerosi parametri inerenti strumenti, selezioni, trasformazioni, cloni, maschere, filtri, colori, griglie, SVG, importazioni, esportazioni, interfaccia e correttore ortografico. Per quanto riguarda i singoli strumenti vi è la possibilità di intervenire su elementi come selettori, nodi, ritocchi, spray, rettangoli, solidi 3D, ellissi, spirali, pastelli, penne, secchielli, gomme, testi, gradienti e contagocce, a dimostrazione di come si possano adattare le impostazioni secondo svariati criteri d’utilizzo.

In tema di usabilità ai comandi principali sono assegnati comode scorciatoie da tastiera, mediante le quali si può riuscire a rendere più snello il flusso di lavoro, soprattutto per quanto concerne l’uso intensivo dell’applicativo. Fra gli strumenti inclusi inInkscape si apprezzano in particolare i tracciati con le funzioni di intrusione ed estrusione, l’opzione diesportazione bitmap, il ricco set di filtri con tanto di editor e un generoso elenco dicomponenti aggiuntivi per estenderne le funzionalità.

DOWNLOAD

fonte:HTML.it

Tool gratuito per la creazione di contenuti Flash “Vectorian Giotto 3.0”

scaled.php?server=843&filename=giottobox.png&res=mediumVectorian Giotto è un tool gratuito per la creazione di contenuti Flash da pubblicare sul Web, il quale si caratterizza per l’interfaccia utente intuitiva. Questa consente di gestire le animazioni in modo semplice e rapido, rendendosi perciò indicata anche a chi voglia imparare ad utilizzare la tecnologia Flash. Non è infatti richiesta alcuna esperienza particolare nell’ambito della computer grafica e delle animazioni per controllare in modo adeguato tutte le funzionalità disponibili.

Vectorian Giotto rende al tempo stesso disponibile un ampio insieme di strumenti capaci di soddisfare anche gli utenti più smaliziati e in pochi e semplici passaggi è possibile portare a termine un progetto. Si può accedere ad effetti avanzati e a comandi per eseguire morphing tra soggetti ed elementi diversi. Il supporto di script, livelli, testi, immagini e suoni permette di migliorare la resa finale delle animazioni e di personalizzarne l’aspetto. Tra i parametri direttamente impostabili dagli utilizzatori vi sono anche quelli inerenti dimensioni, colore di sfondo e frame rate. Prima di eseguire l’elaborazione finale si può visualizzare un’anteprima dei contenuti, come banner, menù di navigazione ed altro ancora.

SCARICA GRATIS

Progettazione 3D:Google SketchUp 8.0.11752

Google-Sketchup-Pro.jpgGoogle SketchUp è un applicativo rivolto alla progettazione 3D gratis realizzato per favorire l’approccio delle persone meno esperte alle funzionalità implementate. Fra le sue prerogative vi sono infatti intuitività e semplicità d’uso, senza sacrificare la possibilità di mettere a punto progetti di una discreta complessità. Si può iniziare con l’ideazione di modelli tridimensionali, ai quali sono applicabili texture, per arrivare allo sviluppo di ambienti caratterizzati da un insieme di elementi di vario genere.

L’immediatezza con la quale si riesce ad accedere ad opzioni e comandi di Google SketchUp permette di raggiungere un’esperienza d’uso appagante anche per gli esperti del settore della grafica 3D, i quali possono ad esempio generare modelli di edifici per Google Earth. Uno degli obiettivi principali dichiarati dagli sviluppatori è di rendere divertente l’interazione con il software, mediante il ricorso a strumenti di modellazione e progettazione intuitivi e di uso comune, senza scomodare la complessità di altri applicativi di tipo commerciale.

 

Per allinearsi a tale pensiero, i modelli di Google SketchUp sono composti da due soli elementi, denominati facce e bordi. Questi sono in pratica linee rette, mentre le facce rappresentano forme bidimensionali composte da più bordi che vanno a racchiudere una figura piana. La creazione di modelli passa pertanto attraverso la composizione di facce e bordi con il supporto di tool facilmente gestibili da parte degli utilizzatori. Quelli di estrusione permettono ad esempio di trasformare figure 2D in 3D, come gli strumenti “Spingi/tira” e “Seguimi”. Il primo rende agevole la trasformazione di figure piane e il secondo la creazione di forme tridimensionali con l’estrusione di superfici bidimensionali lungo determinati percorsi.

La realizzazione di modelli più complessi può basarsi sul concetto di gruppo, il quale agevola la definizione di oggetti compositi facilmente utilizzabili all’interno di una ambientazione. Per migliorare l’articolazione degli elementi vi sono anche i componenti, i quali rispetto ai gruppi possono essere connessi tra loro ed una modifica apportata ad uno di essi si trasmette contemporaneamente a tutti gli altri.

Google SketchUp propone funzionalità adatte allo sviluppo di ambienti 3D esplorabili con l’ausilio di strumenti di navigazione. L’utente può in particolare contare su una telecamera posizionabile in qualsiasi punto della scena e lo strumento “Cammina” rende ancora più godibile la visione dei soggetti che la compongono. Un altro aspetto da tenere presente riguarda la creazione di animazioni per esplorare i mondi tridimensionali creati o semplicemente per focalizzare l’attenzione sui dettagli di un particolare modello. Gli utenti possono inoltre affidarsi a potenti tool per la generazione di terreni e paesaggi 3D, arricchibili da strade, edifici, colline, automobili, persone, piante e fiumi.

La versione 8 porta con sé novità di rilievo, utili al rafforzamento delle specifiche che accompagnano l’applicazione. L’integrazione con Google Maps facilita l’associazione di una posizione geografica al proprio progetto, grazie anche all’accuratezza con la quale si tiene conto dei dati ad essa relativi. La funzione di abbinamento fotografico lascia disegnare direttamente sulle immagini durante la progettazione di un modello secondo una modalità intuitiva. È stato inoltre migliorato il modellatore 3D per la generazione e la rifinitura degli edifici.

Google SketchUp è aperto anche verso l’esterno e consente ad esempio l’importazione di file realizzati con 3D Studio Max, così come immagini nei diffusi formati TIFF, JPG, PNG e PDF, le quali possono essere utilizzate anche per la creazione di modelli dall’aspetto fotorealistico. In uscita si riescono a salvare immagini raster ad alta definizione, compatibili con PNG, JPEG e TIFF.

Google SketchUp Pro è la release a pagamento indirizzata ai professionisti del settore, alla quale è affidato il compito di estendere le funzionalità di base della versione gratuita. Fra queste vi sono l’importazione e l’esportazione di modelli nei formati DFX e DWG ed ottenere così la compatibilità conAutoCAD. Le viste dei progetti sono esportabili in EPS e PDF e ciò consente di eseguire elaborazioni esterne con software di grafica vettoriale. L’interscambio dei dati viene completato dalla esportazione dei modelli in formati 3D quali OBJ, XSI, FBX, VRML, DAE e 3DS, aprendosi pertanto anche a sperimentazioni di realtà virtuale. La versione Pro prevede anche un insieme di strumenti dedicati alla modellazione per sottrazione ed aggiunta indicati per la costruzione di corpi mediante la combinazione, l’unione, l’intersezione e la divisione di forme di vario tipo.

Gli utenti hanno a disposizione tutorial video, trucchi, suggerimenti, blog e guide online per approfondire la conoscenza del programma, oltre a gallerie di immagini 3D e librerie di modelli inseribili all’interno dei propri progetti.

Download

fonte:html.it

Photo Flash Maker Free 5.41

Photo_Flash_Maker_Free_Version_183442.gif

Photo Flash Maker Free 5.41 del 13 dicembre 2011 Photo Flash Maker Free rappresenta la versione lite di un tool per la creazione e la gestione di contenuti basati sulla tecnologia Flash. Consente in particolare di mettere a punto in pochi e semplici passaggi presentazioni multimediali composte da immagini e musica. L’interfaccia utente risulta abbastanza intuitiva per favorire l’approccio anche da parte di chi non abbia particolari esperienze in materia. Gli utenti possono inoltre contare su un set di template ed effetti pronti all’uso, realizzati proprio per rendere ancora più immediato l’approccio con il software. Le presentazioni generate con Photo Flash Maker Free sono tipicamente nel formato SWF e sono pertanto visualizzabili su qualsiasi personal computer, sia direttamente con CD/DVD che via Web. Per quanto concerne i formati grafici, vi è la compatibilità con JPG, TIFF, BMP e PNG, mentre a livello audio sono gestibili file MP3, WMA e WAV. Si tratta dunque di un prodotto adatto a diversi contesti d’uso, sia sul piano personale che professionale.

Download

fonte:html.it

Warning Banner Creator 2.0

45466647.jpgWarning Banner Creator è un’applicazione gratuita che permette di creare dei banner con messaggi di alert simili alle finestre di Windows che si aprono in caso di problemi.

L’operazione di creazione è immediata e veloce, basta digitare il titolo del banner, il testo da visualizzare nel messaggio, le dimensioni della finestra ed un’eventuale immagine da inserire all’interno. Il software dispone di una funzione preview che rende possibile la visualizzazione del progetto finale prima del salvataggio.

Tra le modifiche apportate in questa versione di Warning Banner Creator:

  • Ridisegnata completamente l’interfaccia grafica;
  • inserito l’update automatico dei banner ad ogni modifica;
  • aggiunti installer and uninstaller;
  • aggiunto supporto di trasparenza per le immagini;
  • risolti alcuni bug.

SCARICA GRATIS

di Redazione HTML.it

PicScatter – Per creare Sequenze di foto nel profilo Facebook

pinkscatter.jpg

fonte:gekissimo.net

Come avrete già avuto modo di vedere, con l’ aggiornamento dell’interfaccia dei profili Facebook, sono visualizzate delle foto in serie nella pagina delle info, e alcuni utenti del social network stanno sfruttando questa novità per creare illusioni ottiche utilizzando una serie di foto.

Infatti l’effetto delle foto in sequenza che generano un unica immagine può essere fatto manualmente dividendo l’ immagine in diverse anteprime di grandi dimensioni, ma per rendere tutto più facile è stata creata un applicazione che rende automatico il processo.

Il servizio web di cui parlo è picscatter.com, che appunto divide una fotografia in varie parti, con possibilità di zoom e spostamento, per poi inserirla nel profilo Facebook e ottenere l’effetto di foto in serie.

Il sito non necessita di registrazione, vi basterò selezionare la fotografia e inviarla al profilo Facebook una volta terminato il processo.


Link: Picscatter

Risorse e immagini con Wikimedia Commons

cats.jpg

Wikimedia Commons

Un database di vari milioni di file multimediali liberamente utilizzabili, al quale chiunque può contribuire in perfetto stile wiki. Si tratta difatti di un progetto parallelo a Wikipedia, dedicato esclusivamente ad archiviare files multimediali… video, foto, icone, gif… ecc. ecc. Inutile sarebbe dire che il sito è consigliato!